LIBRI DA ZERO A 3 ANNI

Anche quest'anno si sta avvicinando il periodo del Salone Internazionale del Libro di Torino ( da giovedì 14 maggio a lunedì 18)
e io da grande appassionata di libri ci farò sicuramente un salto.

A dire la verità da quando è nato Ale leggo molto di meno e soprattutto libri non impegnativi. Alla sera, quando avrei tempo di leggere, preferisco rilassarmi sul divano e guardare qualcosa in televisione, anche se poi crollo addormentata il più delle volte.

Per me questa fiera non è solo una giornata passata alla ricerca di nuovi libri da leggere ma anche guardarmi intorno nel mondo dei bambini e scoprire nuovi libri dedicati a loro, c'è davvero l'imbarazzo della scelta.
Consiglio davvero a tutte le mamme e i genitori che hanno la possibilità, di andare perché di sicuro troveranno molto materiale per i bambini!

E ora…quali libri prediligere per i bambini piccoli? Quando iniziano? Quali sono i migliori libri per bambini (6 mesi- 3 anni).

Mi ricordo che il primo libro che ho messo in mano ad Ale, poi finito subito in bocca, è stato un libro di stoffa che ha usato dai 4 ai 12 mesi.
Già. I bambini iniziano da piccolissimi a guardare le figure e quello che più piace loro è toccare le diverse stoffe di cui sono fatti i disegni: alcune ruvide, altre lisce, altre ancora a specchio, pelose e altre che suonano.
Per quanto riguarda i libri di stoffa, sono rimasta davvero stupita di quanta varietà ci sia!
Sono consigliati dai 5-6 mesi e la maggior parte di loro si può appendere al passeggino in modo tale da averceli sempre dietro! E sopratutto la parte dura del libro diventerà un comodissimo antistress per le gengive del vostro bimbo!





Libro per il bagnetto: lavabile e da portare sempre nella vasca!!




Dai 12 mesi, il bambino inizia a volere dei libri più "consistenti". Solitamente inizia l'era dei cartonati, e qui c'è davvero da diventare matti, perché ce ne sono di stupendi!!
Fondamentale sono i libri che suonano, per esempio quelli con i versi degli animali della fattoria, gli animali del mare, del bosco, i suoni delle macchine, moto, treni,…
Dal momento che il bambino è ancora piccolo molti dei libri cartonati hanno ancora delle parti in stoffa per sviluppare al meglio il tatto: solitamente si tratta di libri di animali in cui c'è da toccare l'orecchia di un cane, nella pagina successiva la pancia di un gatto e poi ancora, la schiena di un delfino.
Sono libri ancora molto tattili a cui spesso si associano i suoni e versi.
Anche utili sono i libri che iniziano a insegnare i colori: mi ricordo che, anche se troppo piccolo per parlare e per ricordarseli, già ad un anno li leggeva e rileggeva e iniziava a riconoscere alcune delle immagini più semplici (tipo la banana gialla o l'arancia)



















Dai 2 ai 3 anni infine, il bambino inizia già a seguire le storie. 
Ha già iniziato a parlare e non solo vuole ascoltare la storia raccontata dalla manma, ma dopo da anche la sua versione. 
Sono indicati tutti i libri corti, ancora cartonati ma anche già alcuni da più grandicelli, in cui è narrata una piccola e semplice storia. 
Ale va matto per le avventure della Pimpa, i libri di Peppa e Giulio Coniglio.
Non ha più importanza che siano libri tattili, è importante che ci siano immagini chiare, semplici e che rispecchino la vita di tutti i giorni. 
Noi siamo nel periodo che amiamo i libri delle stagioni: Ale ama l'inverno e sa già tutte le attività ad esso associate, andare sul bob, fare il pupazzo di neve, mettersi i guanti, la sciarpa, il berretto,…











Commenti

Post più popolari