IL LINGUAGGIO DEI BAMBINI

Quando il proprio figlio arriva verso i 18-20 mesi, noi genitori tiriamo un sospiro di sollievo perché pensiamo che da quando iniziano a dire le prime parole, tutto sarà più facile.

Niente di più sbagliato, anzi.
Mai nessuno ha pensato di inventare un vocabolario dei bambini?
Certe parole, anche se stiamo ore a scervellarci proprio ci risultano incomprensibili.
Nostro figlio può ripetercele una, due, tre volte poi se vede che non capiamo si spazientisce e il più delle volte si offende.
Però quante risate ci facciamo? Io e il papà di Ale, un sacco. 

"Mimma, pipino, mao pura"

La prima volta che ci ha detto questa frase siamo stati tutto il pomeriggio a dire:

"Eh?, Ale cosa vuoi dire?"

"Mimma, pipino, mao puraaa"

"Ok, mao è il gatto…ma tutto il resto?! Ale, cambiamo discorso, cosa hai fatto al nido oggi?"

"Titoi, piole, pum pum"

Ok, qui serve un corso accelerato di linguaggio dei bambini.

Poi pian, piano che passano le settimane , si riesce a capire quello che i nostri figli volevano dire, a forza di domande su domande.

Ecco un breve elenco di parole (in continuo aggiornamento) che magari possono essere utili anche a voi, se avete un bambino che sta iniziando a parlare.

VOCABOLARIO DI ALE:
  • MIMMA o MIMAMMI = mammina
  • PIPINO = papino oppure passeggino
  • PURA = paura 
  • TITOI = cowboy
  • PIOLE = pistole
  • AZZO = razzo
  • MERDA = merenda
  • TIZIONI = costruzioni
  • PIPINE = patatine
  • MAI = non ho voglia 
  • MELLA = caramella
Anche a voi capita a volte di non capire niente di cosa dicono i vostri bambini? 
Avete delle parole che proprio non riuscite a capire? Se si, scrivetele non si sa mai che insieme riusciamo a tradurre!!

Commenti

  1. Ciao! Sono Luisa della Ludoteca! Questo post è troppo carino!!!! Ah, io con tre figliuoli ne ho di cose da decifrare!!!!! :)
    Il primo, che ora ha nove anni, Daniele, da piccolo diceva sempre una frase che non abbiamo mai decifrato: "Ciaio ciocciolo!" e mimava di tirare con l'arco! Boh? Alcune parole poi le abbiamo decifrate ed è proprio terribile che col tempo andranno perdute:
    LO QUOTIT: LO YOGURT

    I PADA OCCIA: LA SPADA NELLA ROCCIA

    VIVA IGU': VIVA RE ARTU'
    PILLO: PISELLINO
    Maria, che ora ha sette anni, parlava molto bene fin da piccola ma alcune parole mi son rimaste in testa:
    PILLA: PALLINA
    TITTI: HELLO KITTY (il suo peluche con cui dorme ancora!)
    LALALLO: CAVALLO
    Giovanni, quattro anni, ancora non parla benissimo ed ha iniziato a parlare molto tardi, per questo i loro fratelli hanno inventato un linguaggio tutto loro per comunicare: il BEBETICO. Un giorno sento Daniele parlare in modo strano con Giovanni (e lui lo capiva pure!) e gli dico: "Che fate?" e lui:"Niente, parliamo il bebetico, la lingua di Giovanni!" non ti dico le risate!
    comunque, direttamente dal bebetico:
    UAUA: ACQUA
    PAPPA PI: MI SCAPPA LA PIPI'
    NEIE: DANIELE
    NI: SI
    ahhahaha, sì, sì proprio divertenti i bimbi!!!!
    :)

    RispondiElimina
  2. Ciao Luisa!! Grazie del commento, fa troppo ridere!! Eh si non si può dire che i bambini non abbiano fantasia!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari